Quale scopo hanno in comune estetica e funzione?

Entrambi sono attrattori da usare. Una persona può essere attratta da un sistema per la sua bellezza e desidera utilizzarla (che include stile, associazione, ecc.) O ha solo bisogno della funzionalità impiegata dal sistema. Naturalmente, come ha affermato Roweena Reed Kostelow (fondatore del Pratt Industrial Design Program), la funzione ha una sua qualità estetica.

L’estetica è influenzata dallo sfondo, dalle esperienze e dall’esposizione di una persona alle influenze esterne (simpatie e antipatie); la funzione è operativa e meccanica: cosa fa un oggetto, come fa un sito web a servire i suoi utenti, ecc. Quello che condividono in comune è la bellezza (aspetto e design intelligente).

Entrambi risolvono un problema o una necessità specifica.

Alcune estetiche sono date, per esempio, l’estetica di un particolare materiale locale utilizzato nella costruzione. È allo stesso tempo funzionale ed estetico e non può essere trovato da nessun’altra parte.

Alcune estetiche sono artificiali e quindi perdono i loro valori, ad esempio un foglio di carta stampato con un motivo di legno. Questo tipo di forma non serve a nessuno scopo, quindi non ha nulla in comune con la sua funzione (che è: servire come un foglio di carta per scrivere cose su di esso).