Perché non costruiamo più negli stili classici?

Come architetto, la semplice risposta è costo e tecnologia contro tradizione (e / o stile). Come risposta, ognuno di questi fattori lavora insieme per forgiare il motivo per cui non creiamo edifici come eravamo abituati. Il fattore principale è il costo e soprattutto la manodopera qualificata.

Poiché il costo della manodopera qualificata è aumentato in proporzione al budget complessivo degli edifici, gli alti aspetti lavorativi degli edifici come il lavoro di pietra e l’ornamentazione sono diventati più una sfida da usare. La teoria del progetto architettonico ha rifiutato l’ornamentazione non funzionale resa famosa da Aldof Loos e la sua conferenza “Ornamento e crimine” in cui attacca gli ornamenti senza scopo. Con l’evolversi del modernismo, specialmente con la scuola del Bauhaus (Walter Gropius, Le Corbusier e gli amici) divenne il nuovo linguaggio della tecnologia in evoluzione (acciaio ad alta resistenza).

Lo stile degli edifici è diventato meno ornato mentre la nostra teoria del motivo per cui utilizziamo la decorazione si è evoluta. Da un punto di vista pratico, c’è qualcosa di umoristico sulle piccole sculture sulla cornice superiore di un edificio di 30 piani. Nessuno può apprezzarli, a meno che tu non sia in un edificio proprio dall’altra parte della strada vicino allo stesso piano, e questo è un pubblico abbastanza piccolo per il costo. Alla fine, i proprietari di edifici si rendono conto che stanno spendendo soldi in stile quando possono essere messi da qualche parte in cui le persone lo provano. Questa è una delle ragioni principali per cui esiste una predominanza di grandi edifici che hanno un design molto “pulito”. Il postmodernismo ha preso piede su questo, ma con modi ampi e convenienti per costruire gesti ornamentali.

Con la tecnologia attuale che fornisce nuovi modi per calcolare il carico strutturale per edifici di forma più ampia e più insolita, stiamo vedendo l’intera massa degli edifici come la forma scultorea (Gehry come esempio).

Prevedo che ci sarà una costante reazione al design in quanto il problema del lavoro è ovviato dalla robotica. La capacità di fornire sculture in pietra replicate e prodotte è ora in calo. Quindi inizieremo a ottenere più edifici con il ritorno a una decorazione rinnovata e la conversazione di progettazione continuerà.

Per scale più piccole e residenziali, l’ornamento non ci ha lasciato, ma è ancora influenzato dalla moda (influenzato da progetti più grandi e moderni) e dai costi.

Generalmente non costruiamo uno stile classico perché la vita va avanti. Gli stili degli oggetti progettati riflettono la cultura e la società che li rende e non viviamo più in una società classica, quindi ha senso che non vediamo questo tipo di architettura prodotta in grande quantità. Sarebbe come insistere per indossare toghe o abiti elaborati del Rinascimento oggi o continuare a fare arte solo nello stile greco ignorando i cambiamenti nella tecnologia, nella cultura e nella società che hanno avuto luogo. L’arte è una lingua e come la nostra parlata e scritta si evolve nel tempo.

L’idea che sia armonioso e bello non è appreso qualche verità fondamentale o quantità assoluta. Mi piace l’architettura classica per i dettagli, l’uso dei materiali, le proporzioni, i rapporti tra edifici e spazi urbani, ma non voglio particolarmente risuscitare le società gerarchiche e basate sulle classi che li hanno creati. Posso comprenderlo storicamente (oggettivamente) e posso apprezzarlo sensualmente (soggettivamente) ma spesso non lo trovo bello. Trovo meravigliosi edifici individuali o certi quartieri urbani meravigliosi – vivrei felicemente nella vecchia Lione – ma una buona parte della nostra attrazione per l’architettura classica è la nostalgia. Mi rendo conto che vivere nella vecchia Lione è una specie di recitazione teatrale.

Allo stesso tempo, non trovo l’immagine della città moderna nichilista o brutta. Non è ben fatto, ma riflette perfettamente la nostra società. È onesto È pragmatico. La ragione per cui non sembra funzionare in modo coerente come l’immagine del quadrato classico è perché non crediamo più in un linguaggio architettonico (o altro) comune. Quindi se tu costruisci una versione moderna di questo io e molte più persone di quanto pensi potresti trovare false, pretenziose e probabilmente brutte. Brutto perché non è possibile produrre le sfumature che fanno funzionare gli originali. Sapremmo che era falso e ci farebbe sentire vuoto dentro. Ma ricorda, anche per quelli di noi che “piacciono” l’architettura moderna o contemporanea, anche quella è appresa o condizionata. Nessuno pensava che le fabbriche fossero bellissime quando furono costruite per la prima volta, ma ora molte persone pensano che l’estetica industriale sia fredda e le abitazioni in vecchi edifici industriali portano un sacco di soldi. La società vittoriana contemporanea pensava che l’architettura vittoriana fosse orribile, ma noi la amiamo.

Ciò di cui dobbiamo fare attenzione è l’aspetto stilistico di questo tipo di nostalgico ‘rimettersi in sesto’ ad un’altra epoca. Alcuni edifici classici di nuova costruzione sono realizzati con un artigianato scadente o sono semplicemente delle facciate che nascondono interni moderni piuttosto banali. Non voglio vivere in un palcoscenico. Ma è perfettamente possibile apprezzare e riutilizzare ciò che è prezioso nell’architettura classica. Le opere di Le Corbusier sono considerate classicamente strutturate – piani e sezioni tripartite che continuano la tradizione di base, piano nobile e sottotetto, uso di enfilade e celebrazione di colonne di elementi spaziali. Rafael Moneo ha progettato un bellissimo museo che ha riportato l’idea di stanze in una galleria (piuttosto che un anonimo spazio galleggiante libero o un capannone) insieme alle connessioni tra le stanze. Non era un pastiche dell’architettura classica, ma un’interpretazione contemporanea che, penso, ci parla ora perché mette in relazione due lingue con attenzione: si traduce piuttosto che i pappagalli. E David Chipperfield ha anche giocato con le classiche strutture a colonne nel suo lavoro a Berlino – un contesto appropriato, penso. Non dovremmo perdere di vista le lezioni del classicismo, ma dovremmo fare di più che impegnarci in un esercizio di costume.

Per capire che abbiamo capito cosa significa esattamente architettura classica. È lo stile che ha origine in varie epoche con una diversa comprensione dell’ambiente, del processo di pensiero e della tecnologia disponibile o improvvisata o inventata secondo lo sfondo geologico geografico climatologico di un luogo. Se per stile classico intendiamo solo ciò che è visibile ai nostri occhi .. Le meraviglie che chiamiamo .. Abbiamo torto … Se guardiamo in vari angoli del mondo stili ancora vecchi ed efficaci vengono utilizzati con il moderno retrofitting … Esempio … Cortile e costruire una struttura intorno non è ciò che è stato inventato in questa epoca, ma è il modo in cui il vecchio stile è ora enfatizzato anche nei principi della bioedilizia. Struttura di bambù di Assam e Meghalaya a causa del suo clima umido … Forte tasso di precipitazione … E il terreno montagnoso è ancora prevalente … Il muro di Dhajji del Kashmir, regione di Himachal (doppio muro di rinforzo in legno con macerie di pietra che si riempie in mezzo) un muro isolante eccellente o l’hummam (una stanza con pavimenti in legno e carbone carbonizzato sotto di esso) del Kashmir sono alcuni degli stili classici che usiamo ancora oggi …. Ora arriva materiale … Il materiale utilizzato oggi è più economico e più veloce da produrre … Facile da trasportare e facilmente fabbricato …. Le pietre sono molto più pesanti e difficili da usare e trasportare … .. Poi viene la maestria … È difficile trovare artigiani esperti con tecniche classiche e calcoli …. Poi arriva il momento … Le tecniche classiche richiedono molto tempo per il completamento … Abbiamo bisogno di mezzi di costruzione più rapidi senza ostacolare il traffico e gli eventi quotidiani … La disponibilità di spazio è anche un fattore in più per l’espansione verticale piuttosto che per l’espansione orizzontale. I luoghi classici occupano la maggior parte dell’area e l’area utilizzabile efficace è visivamente meno dello spazio assegnato (pensavo che io stesso non condividessi molto il fatto che gli spazi liberi di grandi dimensioni e colonne fossero effettivamente prodotti in quel momento). Non troviamo la precisione e l’accuratezza nella finitura rispetto allo stile classico a causa del programma serrato di finiture e meno artigiani come detto in precedenza … Soprattutto, molti stili classici non si adattano ai regolamenti di oggi …. Ma usiamo ancora stili classici come colonnati, piedistalli, gargoyle, archi di architravi, cornici, contrafforti, ancora oggi alcuni come abbellimenti e altri con proporzioni alterate secondo i nostri bisogni moderni.
Spero che questo aiuti … Si prega di condividere se qualsiasi punto è discutibile o perso … Grazie ..

Noi facciamo. I progetti non hanno la stampa come Hadid e Gerhy. Robert Orr a New Haven Connecticut e Robert Adam a Winchester, in Inghilterra, sono un paio di importanti aziende che lavorano ancora nello stile classico. Cerca “sviluppo tradizionale del quartiere”, “nuovo urbanismo” e “crescita intelligente” per cose correlate.